→ Giovedì 11 novembre, ore 17:30 - “Le lunghe ombre del razzismo” - Diretta Facebook con Marcello Maneri (Università di Milano Bicocca) e Ndack Mbaye (Università di Bologna)
→ Venerdì 12 novembre, ore 21: Aysun Bademsoy (regista) commenta il documentario sulla pagina FACEBOOK di Crocevia di Sguardi e sul canale YouTube

Disponibile da mercoledì 10 novembre alle 21:00 a venerdì 12 novembre a mezzanotte
Available from Wednesday 10 November at 21:00 to Friday 12 November at midnight



ITA
Sinossi

Tra il 2000 e 2007 nove cittadini tedeschi, quasi tutti di origine turche, sono vittime di delitti che inquirenti e media attribuiscono alla malavita turca. Solo nel 2011 si scopre che gli assassini erano i membri di un gruppo clandestino neonazista, suscitando un grande scandalo e dibattito pubblico, anche durante il lungo processo terminato nel 2018. La regista tedesca di origini turche Aysun Bademsoy segue le tracce lasciate da questi crimini nelle famiglie delle vittime e nella società tedesca. Emergono i molti aspetti ancora oscuri, le colpe non chiarite delle istituzioni e le richieste ancora insoddisfatte di verità e giustizia.

Bio

Aysun Bademsoy è nata il 14 marzo 1960 a Mersin, in Turchia. Nel 1969 la famiglia si trasferì a Berlino. Nel 1978, Bademsoy ha iniziato a studiare teatro e giornalismo. Verso la fine dei suoi studi, Bademsoy inizia a lavorare sempre più spesso dietro la macchina da presa, come assistente alla regia, sceneggiatrice, direttore di produzione o assistente al montaggio. Successivamente Bademsoy ha iniziato a lavorare a tempo pieno come regista di documentari. La maggior parte dei suoi film tratta il tema della migrazione e della vita quotidiana dei giovani turchi tedeschi. Il suo film documentario “Spuren - Die Opfer des NSU” (“Tracce”), presentato in anteprima al DOK Leipzig Festival nell’autunno 2019, ha ricevuto molta attenzione.

EN
Synopsis

Between 2000 and 2007, nine German citizens, mostly of Turkish origin, were victims of murders that investigators and media blamed on the Turkish underworld. In 2011 it transpired that the killers were members of a clandestine neo-Nazi group, triggering a major scandal and sparking public debate during a long-lasting trial ended in 2018. Turkish-born German filmmaker Aysun Bademsoy tracked down how these crimes affected the victims’ families and German society. As it turned out, there are still many unexplained facts and it is unclear how far the institutions are to blame. The calls for truth and justice remain unanswered.

Bio

Aysun Bademsoy was born on 14 March 1960 in Mersin, Turkey. In 1969 the family moved to Berlin. In 1978, Bademsoy began studying theatre studies and journalism. Towards the end of her studies Bademsoy began to work behind the camera more and more often, as assistant director, script girl, production manager or assistant editor. Afterwards Bademsoy started working full-time as a documentary filmmaker. Most of her films deal with the topic of migration and the everyday life of young German Turks. Her documentary film “Spuren - Die Opfer des NSU” (“Traces”), which premiered at the DOK Leipzig Festival in autumn 2019, received much attention.

Director

Aysun Bademsoy

Country

Germany